FAQ

domande e risposte frequenti sul noleggio auto a lungo termine

Domande e Risposte noleggio auto lungo termine Carpower Italia

 

Per richiedere il noleggio lungo termine occorre essere in possesso di partita IVA (si valutano anche neo costituiti), compilare il form di contatto Carpower Italia o contattarci telefonicamente per l'inserimento dei dati anagrafici a sistema e per procedere con l'ordine, i documenti da preparare sono:

• Contratto di locazione compilato e siglato su tutte le pagine • Modulo RID compilato e siglato in cui sono riportati i dati IBAN al fine di procedere verso lo studio finanziario • Bilanci o Modello unico • Certificato della camera di commercio (Visura Camerale)

• Documento di attribuzione partita IVA • Fotocopia del documento del legale rappresentante e/o del richiedente • Modulo privacy

Scarica l'elenco dei documenti necessari alla richiesta in formato pdf

Certamente è possibile richiederlo, la formula del noleggio a lungo termine privati si configura come una soluzione ottimale soprattutto per professionisti che necessitano di un'auto sempre in perfette condizioni per l'esercizio della propria attività, come ad esempio gli agenti di commercio. Il noleggio a lungo termine privati consente inoltre di mettersi al riparo da ogni sorta di rischio finanziario relativo alla reale possibilità di rivendita dell'auto e dalla sua svalutazione. Con la formula del noleggio il privato può contare, anche per un lungo periodo, sulla certezza dei costi potendo così pianificare la spesa dal principio. Offriamo anche a coloro che non possiedono una partita IVA di usufruire del noleggio a lungo termine privati eliminando cosi tutte le spese e i rischi derivanti dalla gestione del veicolo.

I documenti necessari per stipulare un contratto di noleggio a lungo termine privati sono:

• Ultima dichiarazione dei redditi • Ultime 3 buste paga • Copia documento di identità e Codice Fiscale • Coordinate Bancarie (IBAN) • Privacy con timbro e firma • Copia offerta firmata

All'atto del preventivo il cliente ha piena facoltà di personalizzazione su durata, KM, servizi, veicolo su ogni marca, modello e allestimento, optionals, ma soprattutto di decidere come vuole gestire la pratica verso il fornitore per lo studio finanziario.

Le possibilità sono senza nessun anticipo e/o deposito cauzionale (pagherai solo all'atto del primo mese fatturabile dopo la consegna), con deposito cauzionale (che sarà restituito al termine del noleggio) e con anticipo (solitamente il 10% del valore di listino del veicolo ma che può essere anche personalizzabile secondo le proprie necessità).

Una volta ricevuti tutti i documenti si procede ad elaborare un preventivo che soddisfi le necessità del cliente e di conseguenza si sceglie il fornitore che offre la miglior soluzione in termini di contratto, servizi e canone. Si informa il cliente che ci delibera quale fornitore scegliere e si procede verso quest'ultimo all'inoltro della documentazione, si attende circa 3 giorni e varrà formalizzato l'esito della pratica.

Esito Pratica Ricevuto l'esito della pratica si procede seguento i parametri fissati dal fornitore e con il cliente alla formalizzazione dell'ordine del veicolo. Si provvede con il fornitore a formalizzare la richiesta con un numero identificativo e a definire le tempistiche di consegna del veicolo. Se l'esito dello studio finanziario è positivo si procede con l'ordine verso il fornitore senza nessun problema.

Se l'esito dello studio finanziario è positivo con garanzie accessorie es. ulteriori canoni a garanzie, il cliente deve versare quanto richiesto dal fornitore per procedere con l'ordine, è facoltà comunque del cliente non accettare l'avanzamento della pratica, in tal caso si studierà la miglior soluzione con altri fornitori o nella peggior ipotesi rimandare la pratica nel futuro.

Se l'esito dello studio finanziario è negativo la pratica per il singolo fornitore decade e chiaramente non si procede con l'ordine, ma concordi proponiamo la pratica ad altro fornitore o nell'eventualità il cliente può recedere da ogni richiesta ulteriore o proporla nel futuro.

Solitamente le tempistiche vanno da un minimo di 20 giorni (Pronta consegna) allo standard 120 giorni, chiaramente al cliente verrà sottoposta come prima scelta la miglior soluzione di pronta consegna che varia di settimana in settimana.

I tempi di consegna della vettura ordinata possono variare sensibilmente in conseguenza della marca e modello prescelti e anche per fattori non controllabili esternamente, è in questi casi che affidarsi a partner come Carpower Italia, che ti segue in ogni passo e risolve ogni problematica che può sorgere, è fondamentale.

Le auto si acquistano direttamente alla fonte ovvero la casa costruttrice, i tempi di attesa della consegna dipendono quindi dai costruttori. Noi possiamo ovviamente indicarti i tempi di consegna previsti, in modo che tu non abbia spiacevoli sorprese e possa meglio indirizzare la tua scelta ed essere pienamente soddisfatto del nostro servizio.

Nell'attesa di ricevere l'auto ordinata, è possibile usufruire del servizio di "Prelease" ovvero un veicolo che ti verrò affidato momentanemente fino a che non riceverai l'auto da te ordinata. Il prelease ha un costo giornaliero, settimanale o mensile e può essere impostato secondo le necessità di ogni cliente perchè garantisce la mobilità e l flessibilità che si richiede nel quotidiano.

Una volta ordinata la vettura, sarai costantemente aggiornato via e-mail sui tempi di consegna effettivi.

Se scegli la formula del servizio veicoli in pronta consegna, i tempi sono ridotti rispetto l'ordine standard personalizzato.

Una volta scelto il veicolo in pronta consegna, espletato lo studio finanziario si individua il veicolo in pronta consegna, lo si blocca per il cliente e si procede alla relativa consegna.

I tempi sono di stima 20, 30 giorni affichè il veicolo sia immatricolato, eventualmente trasferito e consegnato al cliente.

Per Carpower Italia questa è la soluzione migliore che consiglia al cliente per far fronte alle sue immediate necessità di mobilità e di business.

I contratti da noi sottoscritti con i fornitori sono flessibili e possono essere rivisti in qualsiasi momento tramite lo strumento del ricalcolo. Il ricalcolo rappresenta la possibilità di modificare il contratto durante il periodo di utilizzo dell'auto.

Può essere fatto per variare la durata contrattuale, i chilometri da percorrere, gli accessori della vettura, ed anche alcuni servizi.

Si può in qualsiasi momento modificare il contratto ed anche interromperlo anticipatamente.

Si consiglia il contatto verso Carpower Italia prima della restituzione della vettura, in questo modo possiamo proporti un ricalcolo tenendo conto della durata e del chilometraggio come se questi fossero stati concordati già all'inizio del contratto, invece di applicare le penalità previste contrattualmente.

Fatturazione
Sempre più si hanno delle necessità quotidiane e e di comunicazione in tempo reale dei propri clienti, in linea con le nuove possibilità offerte dal fisco, oltre al normale servizio di ricezione fattura via posta ordinaria, vi possiamo offrire il servizio di fatturazione online.

Si ottengono vantaggi economici:

- Si elimina il tempo destinato all'archiviazione ed alle successive ricerche

- Si eliminano i ritardi ed i disguidi dall'inoltro cartaceo delle fatture

- Si riducono le tempistiche del trattamento della posta

- Si riducono le eccezioni, le dispute e i possibili contenziosi derivanti da errori di fatturazione

- Si eliminano le tempistiche per la richiesta d' informazioni telefoniche sul contenuto delle fatture e copie delle fatture

-Si ottiene una maggior celerità nella contabilizzazione del credito IVA derivante dall'operazione di acquisto

Si ottengono dei vantaggi commerciali:

- Una maggiore e migliore qualità nelle informazioni, migliora la relazione cliente-fornitore

Si ottengono dei vantaggi finanziari:

- Si migliora la propria gestione

Si ottengono vantaggi logistici:

- Una sensibile riduzione dei costi per spazi destinati agli archivi

Le autovetture a noleggio lungo termine sono soggette a diverse tipologie di imposte, le principali sono:

Imposte Dirette come IRPEF, IRES e IRAP (art. 164 del TUIR (DPR 917/86)

Imposte Indirette come l'IVA (art. 19-bis1 del DPR 633/72) Determinati veicoli e certe categorie di utilizzo prevedono la totale deducibilità dei costi e l'intera detraibilità dell'IVA, mentre, esistono alcune limitazioni in termini di detraibilità per altre categorie di veicolo ed utilizzo.

Imposte dirette

La normativa prevede la piena deducibilità dei costi per veicoli:

Che non rientrano nella categoria autovetture, autocaravan, ciclomotori e motocicli e non inclusi nell'articolo 164 del TUIR, come ad esempio autobus, autocarri, trattori stradali, autoveicoli per trasporti specifici o per usi speciali, autotreni, autoarticolati ed autosnodati, mezzi d'opera, etc.

Definiti beni strumentali ad uso esclusivo dell'attività di impresa, senza i quali l'attività non può essere in alcun modo esercitata.

Rientrano nella categoria le vetture utilizzate dalle società di autonoleggio, scuole guida ed onoranze funebri.

Destinati ad uso pubblico, come i veicoli utilizzati per lo svolgimento del servizio taxi.

Tuttavia la destinazione d'uso del mezzo deve essere stabilita da un atto della Pubblica Amministrazione.

La detraibilità risulta invece soltanto parziale per tutti i veicoli appartenenti a categorie differenti da quelle sopra elencate, per i quali si presume promiscuità di utilizzo.

Imposte indirette

La normativa prevede la piena deducibilità dell'IVA per veicoli:

Non contemplati dall'art. 19-bis1 del DPR 633/72, come trattori agricoli o forestali. Trattasi di veicoli stradali a motore impiegati nel trasporto stradale di persone o beni con peso anche superiore a 3.500 Kg e con numero massimo di posti a sedere superiore a otto, escludendo il conducente.

Inclusi nell'art. 19-bis1 del DPR 633/72*. Si tratta di mezzi impiegati in modo esclusivo per lo svolgimento dell'impresa, dell'arte e della professione.

Una legge del 2008 prevede una detrazione dell'IVA pari al 100% (anziché al 40%) per veicoli utilizzati ad esclusivo uso aziendale come i mezzi appartenenti a detentori di licenza per lo svolgimento del servizio taxi. E' tuttavia necessario dimostrare che la vettura sia impiegata in modo esclusivo ai fini dello svolgimento della professione. Non è quindi sempre semplice avvalersi di questa facoltà.

Contemplati nell'art. 19-bis1 del DPR 633/72*. Questi mezzi rappresentano parte integrante dell'attività propria dell'impresa, il cui utilizzo qualifica e realizza l'attività esercitata. Ne costituiscono un valido esempio mezzi utilizzati nelle attività di commercio, noleggio o locazione finanziaria di auto;

Inclusi nell'art. 19-bis1 del DPR 633/72* come le vetture utilizzate da agenti e rappresentanti di commercio;

Contemplati nell'art. 19-bis1 del DPR 633/72*. Si tratta di vetture fornite dall'azienda al dipendente in uso promiscuo, al quale è addebitato un costo almeno corrispondente al valore del fringe benefit. Per veicoli non inclusi nelle categorie sopra indicate vigono invece delle specifiche limitazioni forfetarie.Le autovetture a noleggio lungo termine sono soggette a diverse tipologie di imposte, le principali sono:

Imposte Dirette come IRPEF, IRES e IRAP (art. 164 del TUIR (DPR 917/86)

Imposte Indirette come l'IVA (art. 19-bis1 del DPR 633/72)

Determinati veicoli e certe categorie di utilizzo prevedono la totale deducibilità dei costi e l'intera detraibilità dell'IVA, mentre, esistono alcune limitazioni in termini di detraibilità per altre categorie di veicolo ed utilizzo.

Imposte dirette

La normativa prevede la piena deducibilità dei costi per veicoli:

Che non rientrano nella categoria autovetture, autocaravan, ciclomotori e motocicli e non inclusi nell'articolo 164 del TUIR, come ad esempio autobus, autocarri, trattori stradali, autoveicoli per trasporti specifici o per usi speciali, autotreni, autoarticolati ed autosnodati, mezzi d'opera, etc.

Definiti beni strumentali ad uso esclusivo dell'attività di impresa, senza i quali l'attività non può essere in alcun modo esercitata;

Rientrano nella categoria le vetture utilizzate dalle società di autonoleggio, scuole guida ed onoranze funebri;

Destinati ad uso pubblico, come i veicoli utilizzati per lo svolgimento del servizio taxi, la destinazione d'uso del mezzo deve essere stabilita da un atto della Pubblica Amministrazione.

La detraibilità risulta invece soltanto parziale per tutti i veicoli appartenenti a categorie differenti da quelle sopra elencate, per i quali si presume promiscuità di utilizzo.

Imposte indirette

La normativa prevede la piena deducibilità dell'IVA per veicoli:

Non contemplati dall'art. 19-bis1 del DPR 633/72, come trattori agricoli o forestali. Trattasi di veicoli stradali a motore impiegati nel trasporto stradale di persone o beni con peso anche superiore a 3.500 Kg e con numero massimo di posti a sedere superiore a otto, escludendo il conducente.

Inclusi nell'art. 19-bis1 del DPR 633/72*. Si tratta di mezzi impiegati in modo esclusivo per lo svolgimento dell'impresa, dell'arte e della professione.

Una legge del 2008 prevede una detrazione dell'IVA pari al 100% (anziché al 40%) per veicoli utilizzati ad esclusivo uso aziendale come i mezzi appartenenti a detentori di licenza per lo svolgimento del servizio taxi. E' tuttavia necessario dimostrare che la vettura sia impiegata in modo esclusivo ai fini dello svolgimento della professione. Non è quindi sempre semplice avvalersi di questa facoltà. Contemplati nell'art. 19-bis1 del DPR 633/72*.

Questi mezzi rappresentano parte integrante dell'attività propria dell'impresa, il cui utilizzo qualifica e realizza l'attività esercitata. Ne costituiscono un valido esempio mezzi utilizzati nelle attività di commercio, noleggio o locazione finanziaria di auto

Inclusi nell'art. 19-bis1 del DPR 633/72* come le vetture utilizzate da agenti e rappresentanti di commercio;

Contemplati nell'art. 19-bis1 del DPR 633/72*. Si tratta di vetture fornite dall'azienda al dipendente in uso promiscuo, al quale è addebitato un costo almeno corrispondente al valore del fringe benefit. Per veicoli non inclusi nelle categorie sopra indicate vigono invece delle specifiche limitazioni forfetarie.

* Si tratta di veicoli stradali a motore (esclusi trattori agricoli o forestali), impiegati nel trasporto stradale di persone o beni, che non superano il peso di 3.500 Kg e con numero massimo di posti a sedere pari ad otto, escludendo il conducente.

* Si tratta di veicoli stradali a motore (esclusi trattori agricoli o forestali), impiegati nel trasporto stradale di persone o beni, che non superano il peso di 3.500 Kg e con numero massimo di posti a sedere pari ad otto, escludendo il conducente.

   TABELLE COMPARATIVa

Carpower Italia offre la possibilità di comparare le varie forme espresse in questa pagina attraverso delle tabelle in cui sono riportati i parametri attuali di riferimento.

Informazioni Utili:

| Tabella fiscale noleggio auto lungo termine